cambogia

2000px-Flag_of_Cambodia.svg.png
260px-Cb-map.png
Salite sino al regno degli dei, l'Angkor Wat, poi precipitate all'inferno nella prigione di Tuol Sleng. La Cambogia, con la sua storia tragica ma al tempo stesso affascinante, sta vivendo uno straordinario presente.

Luoghi da vedere

La capitale della Cambogia Phnom Penh è una città caotica ma affascinante, che si è liberata dalle ombre del passato per abbracciare un futuro più luminoso.

Le spiagge animate di Sihanoukville sono davvero affascinanti.

Mondulkiri è una distesa a perdita d'occhio di risaie e palme da zucchero che caratterizza il paesaggio cambogiano.

Siem Reap e i templi di Angkor sono uno dei luoghi più belli al mondo, i superlativi non bastano. Potrete scegliere tra l'Angkor Wat, il più grande edificio religioso del pianeta oppure il Bayon uno dei più insoliti, con i suoi immensi volti di pietra.

Nella provincia di Kampot si trovano cittadine deliziose, parchi nazionali, templi rupestri e spiagge tropicali.

Ecco la vera Cambogia, Battambang è una delle cittadine coloniali meglio conservate del paese.

Kratie è il punto di partenza per vedere le rare orcelle (delfini) nel Mekong. La città di Kratie sta diventando un trafficato crocevia dell'itinerario che si snoda tra Phnom Penh la Cambogia nord-orientale.

Prasat Preah Vilhear è il capostipite di tutti i templi di montagna, si erge maestoso in cima ai monti Dangkrek, formando un controverso posto di confine fra Thailandia e Cambogia.

Il Sambor Prei Kuk è il più imponente fra tutti i siti monumentali pre-angkoriani; Sambor Prei Kuk comprende oltre 100 edifici celati dalla foresta.

Specialità

Banh Chev
Banh Chev

Crepe di farina di riso ripiena di erbette appetitose.

press to zoom
Bobor
Bobor

Pappa di riso, simile a quella che fanno in Cina, spesso servita con pesce essiccato e uova.

press to zoom
Chek-Chien
Chek-Chien

Banane fritte.

press to zoom
Loat
Loat

Piccoli noodles bianchi che assomigliano a germogli di soia; sono gustosissimi passati in padella con carne di manzo.

press to zoom

Quando andare

Alta Stagione

Media Stagione 

Bassa Stagione

Novembre-Febbraio

Aprile e Ottobre

Maggio-Settembre

Mezzi di trasporto

volo_iStock-155380716.jpg

Aereo

Voli interni collegano Phnom Penh a Siem Reap e Siem Reap a Sihanoukville.

traghetto-collegamenti.jpg

Traghetto

I Traghetti si usano meno rispetto a quando le strade erano pessime, ma quelli da Siem Reap a Battambang o Phnom Penh sono ancora comuni. 

download (1).jpg

Autobus

L'autobus è il mezzo di trasporto più utilizzato, con collegamenti tra tutte le città e le località italiane.

informazioni per il vostro viaggio

Moneta e lingua

La valuta nazionale è il Riel cambogiano (KHR).

I cambogiani parlano principalmente il Khmer, che a differenza delle altre lingue parlate in questa parte di mondo, non è tonale, ma ha una varietà di vocali e consonanti. Alcune persone parlano un po' d'inglese nelle città maggiori. 

Sicurezza

La Cambogia è un paese sicuro e accogliente, con l'eccezione delle grandi città a notte fonda, in particolar modo Phnom Penh. Si raccomanda inoltre di fare attenzione ai portafogli e le valigie incustodite, gli scippatori in moto e in bicicletta sono in agguato in questa città. Si deve essere molto discreti con quello che si possiede, in special modo soldi e macchine fotografiche. Fare molta attenzione alle zono poco illuminate.

La Cambogia soffre di un eredità pesante, composta di milioni di mine terrestri abbandonate durante gli anni della guerra. Per i turisti questo presenta un rischio minore perché le aree turistiche sono state sminate. HALO Trust, un'organizzazione specializzata nella rimozione delle mine, presente nel paese, afferma che si di deve guidare dentro la giungla per almeno un'ora in direzione nord ripetto a Angkor Wat per incontrare delle mine. La minaccia è per la gente del posto nelle aree rurali che vivono di agricoltura. Comunque per sicurezza si consiglia di non scorrazzare a piacimento e fare molta attenzione. Da tenere presente che le mine si spostano con lo spostamento del terreno causato da piogge e maltempo.In zone remote come Preah Vihear (vicino al confine) e Pailin, una roccaforte Khmer Rossa, si deve porre molta attenzione. Si consiglia di chiedere consigli dalla gente del posto e prestare attenzione ai cartelli di attenzione, alla vernice rossa e alle corde rosse che indicano la presenza di campi minati anche nel più piccolo dei praticelli in quanto i campi minati non sono stati del tutto bonificati. Il rischio è serio e non va preso sottogamba, in quanto mine inesplose possono trovarsi anche ai bordi delle strade statali. Si consiglia dunque di non avventurarsi fuori dai percorsi conosciuti.

Le droghe, compresa la cannabis, sono illegali in Cambogia e le punizioni possono essere molto severe. 

Requisiti d'ingresso

Tutti i visitatori, con esclusione dei cittadini di Indonesia, Malesia, Singapore, Filippine, Laos, Thailandia e Vietnam necessitano di un visto per entrare in Cambogia. Il prezzo ufficiale è di 30 USD per un visto turistico e di 35 USD per un visto ordinario; gran parte dei cittadini esteri possono ottenere un visto all'arrivo. Il personale della dogana potrebbe provare a gonfiare il prezzo in alcuni valichi (compresi gli aeroporti), ma si deve insistere sul prezzo ufficiale.

Situazione Sanitaria

Malattia misteriosa. Benché questa malattia colpisca i bambini al di sotto dei tre anni, nel luglio del 2012 è stata descritta dai media come l'enterovirus 71 e sembra causi ancora delle fatalità. Questo sembra un soggetto tabù nei media cambogiani ma gli immigrati e la gente del posto parla tranquillamente di quanti ancora muoiano di questa malattia respiratoria. Gli immigrati spesso rifiutano di mangiare pollo anche se distribuito da catene ben conosciute, citando le condizioni di trasporto e il modo in cui i polli vengano tenuti in gabbie, addossando a questo animale la colpa della diffusione della malattia.

Questo paese manca di strutture mediche affidabili, dottori, cliniche ospedali e medicine, specialmente nelle aree rurali. 

Ospedali e cliniche locali vanno dal mediocre allo spaventoso e ci si deve aspettare degli ambienti sporchi, con scarsa attrezzatura, medicine scadute e placebo di farina e zucchero. In queste cliniche non fatevi iniettare niente nel sangue, curando la disidratazione oralmente invece che con flebo, per evitare il rischio di setticemia. Lo stesso vale per le trasfusioni di sangue.

Ufficialmente non servono certificati di salute o vaccini per entrare nel Paese, a meno che non si arrivi direttamente dall'Africa. Comunque si consiglia di visitare un dottore qualche settimana prima della partenza del viaggio per consigli aggiornati e vaccini. Quelli in genere consigliati sono.

Aviaria-AIDS-vaccinazione per tetano-epatite, meningite e morsi di serpente.